10° PREMIO BEST PRACTICES PER INNOVAZIONE

Si è chiuso il 2 dicembre 2016, presso la Stazione Marittima di Salerno, il 10° Premio Best Practices per Innovazione. 101 progetti provenienti da tutta Italia, 40 mila visualizzazioni sul sito web registrate in tre giorni, centinaia di interazioni e condivisioni sui profili social network ufficiali. La decima edizione del Premio Best Practices per l’Innovazione sarà ricordata per i grandi numeri web e, soprattutto, per la vittoria di un’impresa salernitana Metoda spa, con oltre 25 anni di attività alle spalle. Il presidente di Confindustria Salerno Mauro Maccauro ha consegnato ad Aniello Russo, AD di Metoda, l’ambito premio. Secondi classificati ex aequo i progetti Resettami dell’azienda CLE di Bari, un’innovativa modalità di gestione delle informazioni in ambito socio sanitario, e Pure Air Zones dell’azienda torinese U-Earth, che consente di misurare e conoscere la qualità dell’aria che respiriamo e quindi preservare la salute delle persone. Un progetto per una città più intelligente e consapevole. Terzi classificati ex aequo i progetti Cornerless dell’azienda salernitana Sada, che ha ideato un vassoio in cartone ondulato più sostenibile e competitivo in termini di prezzo rispetto alle soluzioni tradizionali, e Sts dell’azienda romana Proge–Software, uno strumento innovativo che consente al chirurgo di accedere e controllare in tempo reale ogni tipo di esame diagnostico anche in fase di intervento. Il premio Telecom è andato invece al progetto Rheticus dell’azienda barese Planetek, che consente una nuova modalità di fruizione dell’informazione geografica, dinamica e sempre aggiornata. La sezione “UpStart” intitolata alla memoria dell’imprenditore Paolo Traci, è stata vinta dalla startup di Perugia Sentetic, una piattaforma software che analizzando i dati di un qualsiasi dispositivo industriale, riesce ad identificare eventuali anomalie di funzionamento e stimare la probabilità di futuri guasti. Seconda classificata Enerbrain, startup torinese che ha messo a punto un sistema che migliora l’aria all’interno degli edifici tagliando del 30% il consumo energetico. Terzi classificati ex aequo le startup Carepy e Mamma Cult. “La novità di questa decima edizione è stato il coinvolgimento delle scuole superiori con l’introduzione di un hackathon, realizzato in collaborazione con il Gruppo Giovani Imprenditori di Confindustria Salerno e Sellalab – ha spiegato Edoardo Gisolfi, presidente del Gruppo Servizi Innovativi e Tecnologici di Confindustria Salerno – Inoltre, i referenti di Banca Sella hanno annunciato in questi giorni la nascita del Sellalab in città nel 2017. Una grande opportunità per tanti giovani del nostro territorio.” Tra i membri del comitato tecnico-scientifico dell’edizione 2016, anche l’ ing. Francesco Castagna, CEO della SMS Engineering, azienda vincitrice del Premio Nazionale per l’Innovazione Premio dei Premi della Presidenza della Repubblica oltre che del “Premio Imprese per Innovazione IxI 2016” di Confindustria.

Nella foto sotto da sinistra, Gaetano Cafiero Presidente della Sezione ICT dell’Unione Industriali di Napoli, Antonio Palumbo, Business Sales Sud Large Private & Public Director di TIM, Francesco Castagna e Giuseppe Perone, ad di Tecnosoft; nella foto a destra, Francesco Castagna con Edoardo Gisolfi.

dicembre best practice

Italy-China, Technology & Innovation Week 2016 – 25-27 ottobre 2016

Si è conclusa giovedì 27 ottobre, con straordinario successo, la seconda ed ultima giornata napoletana dell’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK 2016 dedicata all’Italy-China Innovation Forum, il più grande evento europeo di networking e business matching in ricerca ed innovazione, che ha già visto protagoniste Bergamo e Bologna, per promuovere un confronto continuo tra Italia e Cina sui temi dell’innovazione, della scienza e della tecnologia e per costruire partenariati tecnologici, produttivi e commerciali nei contesti innovativi ricerca-impresa dei due Paesi.

La cerimonia conclusiva si è svolta in una Sala Newton gremita di investitori, imprenditori e ricercatori cinesi ed italiani alla presenza dei Ministri alla Ricerca Stefania Giannini e Wan Gang.

Ad aprire i lavori il Consigliere Delegato di Città della Scienza Vincenzo Lipardi che, dopo la performance musicale degli studenti italiani e cinesi del Conservatorio di Napoli San Pietro a Majella, ha rivolto ai presenti un caloroso benvenuto nella città di Napoli. Il Consigliere Delegato ha sottolineato la capacità di Napoli di coniugare la musica, l’arte e la propria storia millenaria con una forte spinta verso l’innovazione, come testimonia l’impegno nella cooperazione scientifica promosso da Città della Scienza.

Lipardi ha rivolto un particolare ringraziamento al Ministro Wan Gang per la decennale e proficua collaborazione, al vice presidente BAST Tian Wen e a Cao Jianye, Counsellor for Science and Technology dell’Ambasciata Cinese in Italia. “Grazie ad iniziative come l’Italy-China Week, l’Italia è oggi un partner sempre più credibile per la Cina, così come la Cina lo è per l’Italia” ha aggiunto il Consigliere Delegato, “entrambi i Paesi comprendono che la valorizzazione delle rispettive culture, dell’arte e del patrimonio storico-culturale deve essere combinata con la scienza, l’innovazione e la tecnologia.

È quindi intervenuta Yan Aoshuang, Direttore Generale Beijing Municipal Science & Technology Commission, che, a nome della Municipalità di Pechino, ha sottolineando come la capitale cinese sia diventata un centro fondamentale per l’innovazione e che “per migliorare ulteriormente c’è bisogno di impegnarsi in progetti di cooperazione internazionale come l’Italy-China Week, poiché il lavoro sinergico migliora la qualità dei progetti”.

A seguire l’intervento dell’Assessore alle Startup Innovazione ed Internazionalizzazione della Regione Campania Valeria Fascione che ha ribadito l’impegno dell’amministrazione regionale ad adottare strategie di innovazione ed internazionalizzazione per migliorare la competitività del territorio. “Il grande impegno con i colleghi del SIEE ha comportato un miglioramento qualitativo considerevole nel progetto di cooperazione scientifica e tecnologica con la Cina” ha sottolineato l’Assessore, che ha ricordato il grande successo della novità di questa edizione, l’Italy-China Best Startup Showcase, che ha visto coinvolte 22 startup innovative e “market proven” – 11 cinesi ed italiane. Impegnarsi in progetti di cooperazione vuol dire “aprirsi al mondo, alla ricerca, all’innovazione, ed è questo, in prospettiva futura, l’augurio migliore che mi sento di rivolgere a tutti i nostri giovani” ha concluso l’Assessore.

Subito dopo c’è stato l’intervento dell’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia Li Ruiyu, che ha rimarcato i risultati molto fruttuosi dei processi di cooperazione con l’Italia nel corso degli ultimi anni, sottolineando l’impegno preso dal Governo Cinese nella cornice del G20 ad attuare una strategia basata sullo sviluppo sostenibile.

Il Presidente dei giovani imprenditori di Confindustria Marco Gay, in video collegamento, ha invece sottolineato come iniziative quali l’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK siano occasioni per rafforzare la cooperazione con la Cina, ribadendo l’“impegno di Confindustria ad essere vicini alle realtà imprenditoriale che intraprendono processi di internazionalizzazione”.

Quindi l’intervento del Sindaco di Napoli Luigi de Magistris, che ha posto l’accento, in un momento di forte innovazione tecnologica, sul tutelare, valorizzare il capitale umano e “costruire un’industria che preservi l’ambiente e il territorio.

Dopo due brevi video sulle tappe di Bergamo e Bologna, commentati dal Rettore dell’Università di Bergamo, Remo Morzenti Pellegrini, e da Alessandra Scagliarini Vice Rettore per le Relazioni Internazionali dell’Alma Mater Studiorum dell’Università di Bologna, Marco Cantamessa, Presidente PNI Cube e Giuliano Noci, Vice Rettore per la Cina del Politecnico di Milano, hanno sottolineato l’avvio della cooperazione sulle startup tra Italia e Cina, in particolare attraverso le due iniziative avviate avviate in seno alla Week: Italy-China Best Startups Showcase, China-Italy Innovation and Entrepreneurship Competition.

La sessione ha visto quindi il momento più atteso con l’intervento dei Ministri. Il Ministro Wan Gang ha sottolineato il crescente successo della Week negli anni, evidenziando che “essa è diventata modello di riferimento per la cooperazione sino-italiana e sino-europea e che l’innovazione è una scelta imprescindibile per uno sviluppo sostenibile. La Cina punta a rafforzare la cooperazione internazionale secondo una strategia di tipo win-win per approfondire il dialogo sull’innovazione”. Il Ministro ha concluso sottolineando che i due Paesi hanno il compito di “cogliere le opportunità strategiche che l’innovazione porta con sé per essere all’altezza delle sfide future”.

Il Ministro Giannini ha fatto un ringraziamento particolare al Ministro Wan Gang sottolineando che i Paesi condividono relazioni culturali e scientifiche secolari. “L’Italia è pronta ad affrontare le sfide globali anche e soprattutto attraverso i risultati della ricerca con una “strategia che non sia schiava del presente e preveda programmi di lungo periodo.

Nel suo intervento Wu JianjunDirector of 5G R&D Huawei European Innovation Institute, ha dichiarato “Puntare ad una infrastruttura di rete del 5G per una migliore connettività orientata al cloud. Bisogna creare un traffico diversificato per ottenere una maggiore controllo del 5G, ossia creare uno standard unificato per garantire una maggiore partecipazione di progetti per garantire un maggiore controllo del 5G. Una tecnologia che possa essere alla portata di tutte le persone. Un canale di comunicazione maggiormente controllato”.

Maria Cristina Russo, Direttore della Cooperazione Internazionale – DG for Research & Innovation European Commission, ha sottolineato, che “la cooperazione è un elemento fondamentale dell’Unione Europea. Una maggiore attenzione nei confronti della ricerca e dell’innovazione può migliorare la competitività dell’Europa. La global of partnership ha generato finanziamenti e lo sviluppo dell’economia. La Cina è un importante Partner tecnologico per l’Europa ed esiste un forte dialogo Ministeriale sull’innovazione, per lanciare insieme progetti all’ Italia progetti comuni. La cooperazione porta alla creazione di un rapporto di fiducia e va a stimolare l’innovazione, e quindi le basi sociali, il rafforzamento del rapporto un miglioramento negli accessi dei programmi. La l’ITALY-CHINA SCIENCE, TECHNOLOGY & INNOVATION WEEK è un’esperienza significativa che permette di trarre degli spunti per guardare a nuovi investimenti a livello Europeo”.

Tra le aziende presenti la SMS Engineering che ha avuto incontri B2B con diversi rappresentanti delle autorità scientifiche cinesi per poter avviare insieme progetti di Ricerca e Sviluppo sulle applicazioni software AQUIS (Aeronautic Quality Improvement System) per il settore aerospaziale e myWMSJIS (Warehouse Management System con logica just in sequence) per il settore automotive per i quali la società partenopea cerca finanziamenti al fine di "migrare" in cloud i due software.

China ottobre 2016

Il frame europeo eCF per i professionisti digitali

L' ing. Francesco Castagna, quale membro del direttivo di AICA Campania ha il piacere di invitare la S.V. al convegno:

Il frame europeo eCF per i professionisti digitali

Napoli, 18 maggio 2016 - ore 10,00 Università degli Studi di Napoli Federico II,

Piazzale Vincenzo Tecchio 80, 80125 Napoli - Aula Bobbio

Le aziende e le organizzazioni pubbliche più innovative sono già in piena trasformazione digitale. I problemi che la trasformazione pone sono molteplici ma il principale è costituito dalla difficoltà di identificare e approvvigionare le competenze che servono al livello cui servono. Su questo tema la UE sta lavorando da molti anni e oggi è disponibile il framework e-CF (e-Competence framework), che viene proposto come norma CEN valida per tutti i paesi europei.  ha sviluppato con e-CFplus una propria soluzione, allineata allo standard europeo.Con e-CFplus le aziende e gli enti pubblici trovano a loro disposizione metodi e strumenti web collaudati per gestire e sviluppare in modo semplice ed efficace la selezione, la formazione e lo sviluppo professionale delle risorse umane secondo un sistema di riferimento condiviso. I singoli professionisti possono inoltre valutare il proprio livello di competenza nelle aree ci sui si indirizzano con il loro lavoro. L’incontro vuole essere il primo di una serie dedicate ad approfondire gli aspetti più significativi di eCF e eCFplus e delle loro concrete applicazioni a casi reali. Ai partecipanti all’incontro verrà reso disponibile il volume “e4Job – Competenze digitali per l’innovazione” edito da AICA.

frame europeo cf  

Energy Med 2016 al via Innovation Village
L’innovazione a Napoli dal 31 marzo al 2 aprile: in contemporanea con Energy Med, alla Mostra d’Oltremare di Napoli (padiglione 5). Incontri, dibattiti e presentazioni su opportunità di innovazione e sviluppo per città, aziende e persone.

Innovation Village 2016 intende rappresentare un contesto nel quale l’innovazione si avvicina alle imprese e ai cittadini per promuovere e facilitare circuiti di scambio e comprensione pubblica. Un “villaggio” per mettere in contatto: chi pensa, chi programma e chi produce innovazione. La manifestazione, alla sua prima edizione, è stata programmata in collaborazione con il Dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che – assieme al nodo campano ENEA della rete Enterprise Europe Network – promuove un’agenda di tavoli di lavoro e incontri one-to-one fra la ricerca e le imprese.

La prima edizione di Innovation Village è anche la prima tappa del roadshow organizzato dall’assessorato all’Innovazione, Startup e Internazionalizzazione della Regione Campania, per la consultazione pubblica relativa alla Strategia di Specializzazione Intelligente (RIS3) e all’Agenda digitale per definire attività e interventi su cui concentrare nei prossimi anni le risorse dei Fondi Europei 2014-2020.

Un’occasione unica per poter contribuire alla definizione delle strategie innovative della Campania.

Nella foto, in alto a destra Massimiliano Canestro di SMS Engineering, l'Assessore all'Innovazione della Regione Campania Valeria Fascione e Giuseppe De Nicola di Ampioraggio.

La manifestazione si è aperta giovedì 31 marzo, alle ore 9,00, con un dibattito tra Gianluca Dettori, fondatore e presidente di Dpixel, società di venture capital nel settore hi-tech, e Valeria Fascione, assessore regionale all’innovazione sulle opportunità della terza rivoluzione industriale.

Investire in tecnologie promettenti e strategiche è stato il tema degli incontri Research to Business (R2B), durante i quali l’offerta degli spin-off e dei ricercatori si è incontrato con la domanda del mondo imprenditoriale dando visibilità a tecnologie già sviluppate.

Approfondire i possibili sviluppi di sistema dei modelli economici legati ai FabLab e ai maker space, è uno degli obiettivi di Innovation Village che si è proposto di contribuire a creare circuiti di connessione fra le reti regionali e nazionali del settore, a partire proprio dal tavolo di lavoro promosso da Italia Lavoro e Mak-ER – la rete dell’Emilia-Romagna che ha il supporto di ASTER.

Le opportunità della digital fabrication per le imprese e i giovani sono state promosse in collaborazione con il centro DREAM di Città della Scienza, innovativo spazio di progettazione e manifattura avanzata; in tale contesto il Mediterranean FabLab, primo laboratorio di fabbricazione digitale del sud Italia, Confartigianato Napoli e Ricart – la rete innovativa di collaborazione dell’artigianato artistico in Campania – presenteranno soluzioni innovative per le aziende; il Mediterranean Fablab, in collaborazione con Ampioraggio e Confartigianato, ha organizzato nel pomeriggio di sabato 2 aprile un maker match, una formula innovativa di incontro in cui i maker si sfidano per rispondere alle problematiche presentate dalle aziende artigiane e dalle PMI.

Tra le novità dell'Energy Med di questo anno la presentazione dello "Spazio Social" dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli. Nella foto in alto a sinistra il Presidente dell'Ordine degli Ingegneri della Provincia di Napoli Luigi Vinci con Massimiliano Canestro.

Energy Med

Giornata di lancio Start Cup Campania 2016

16 marzo 2016 ore 14,30 Aula Magna Leopoldo Massimilla, Scuola Politecnica e delle Scienze di Base

piazzale V. Tecchio 80, Napoli

Com’è noto, dal 2010, le Università Campane organizzano la competizione denominata “Start Cup CAMPANIA”, il premio per l'innovazione finalizzato a mettere in gara gruppi di persone che elaborano idee imprenditoriali basate sulla ricerca e sull'innovazione, di qualsiasi area scientifica. Quest’anno è previsto una menzione speciale per le imprese costituite da soli studenti. I vincitori del concorso regionale - che si terrà a Napoli nel prossimo ottobre - partecipano, poi, al concorso nazionale “Premio Nazionale per l’Innovazione” la cui manifestazione conclusiva quest’anno si terrà nei giorni 1 e 2 dicembre a Reggio Emilia e Modena. Durante l’incontro verranno illustrate tutte le fasi e le attività che saranno svolte nel 2016 per supportare i gruppi che mirano ad avviare nuove imprese. A tale scopo le Università promotrici predisporranno, con esperti provenienti dal mondo imprenditoriale e docenti interni, attività di formazione e di tutoraggio finalizzate alla stesura del progetto finale. La SMS engineering, da sempre attiva nell'ambito dell'innovazione ed attenta allo sviluppo del territorio, contribuirà allo sviluppo della manifestazione promuovendo e supportando con le sue risorse, la pregevole iniziativa. Per ulteriori informazioni e per l’iscrizione consultare il sito: http://www.startcupcampania.unina.it/

mettiti in gioco

Scarica la locandina

Se hai un’idea innovativa e originale, il concorso Start Cup Campania 2016 ti aiuta a trasformarla nel tuo progetto d'impresa. Ai primi cinque classificati sarà attribuito un premio del valore rispettivamente di 5.000, 3.000, 2.000, 1.000 e 1.000 euro. Le idee vincitrici, inoltre, parteciperanno alla fase finale del Premio Nazionale per l’Innovazione.

concorso

TBIZ Conference 2015 – Napoli 1 dicembre, Città della Scienza, ore 14.00–21.00

Iniziativa multidisciplinare su tecnologie e innovazione. TBIZ raduna una rete di idee, persone, iniziative che coltivano la Cultura dell'Innovazione e, partendo dalle eccellenze, promuovono un ecosistema territoriale competitivo impresa ‒ ricerca - istituzione che guardi al mercato globale. Nel 2014 è nata TBIZ Conference, una iniziativa di animazione territoriale di carattere economico e tecnologico volta a favorire la divulgazione scientifica, promuovere la cultura dellʼinnovazione, stimolare la nascita di start-up, incentivare le imprese del territorio a sviluppare collaborazioni nazionali ed estere anche attraverso lʼaggregazione in reti di imprese. Una serata dove gli speaker parlano di Economia, Impresa, Ricerca e dove si raccontano storie di Persone da conoscere.

Registrazione e Programma:

http://www.tbiz.it/events/tbiz-conference-citta-della-scienza-1-dicembre-2015-ore-14-00-21/

TBIZ 1 DICEMBRE

BE@SMAU2015

La manifestazione si è svolta presso la Fiera Milano City dal 21 al 23 ottobre e sono state 3 giornate dedicate al digitale, alle imprese italiane, alle pubbliche amministrazioni e soprattutto alle startup! Hanno partecipato oltre 450 aziende, 300 startup e oltre 70 investitori interessati a scoprire l’innovativo ecosistema nazionale, in più sono stati organizzati oltre 300 workshop tenuti dai più conosciuti professionisti del settore.  L’obiettivo di quest’ultima edizione era quello di presentare nuove soluzioni, favorire l’incontro tra fornitori e favorire il b2b. Numerosa, sia in termini qualitativi che quantitativi la presenza di aziende ed istituzioni del nostro territorio. Presente tutto il sistema della ricerca campano, con i Distretti ad Alta Tecnologia ed i Laboratori Pubblico privati, insieme con gli investimenti per lo sviluppo della banda ultra larga. I distretti di alta tecnologia (DTA) costituiti con l'azione di MIUR e della Regione Campania sono sei ed operano nelle aree strategiche di investimento: DAC (Distretto Aerospaziale), STRESS (Edilizia ecosostenibile) Databenc (Beni culturali), Campania Bioscience (Biotecnologie), Smart Power System (Energia), Dattilo (Trasporti e Logistica). A questi si aggiunge il Distretto tecnologico sui materiali, IMAST. Ogni DTA è affiancato da un numero variabile di cluster di secondo livello. I Laboratori pubblico-privati già esistenti sono 8. A questi se ne aggiungono altri 13: Ritam (materiali per aerospazio), Ehealthnet (ict per la salute), Top-in (ict per telecomunicazioni e sensoristica), Temotec ( ict per beni culturali), Biochamp ( materiali per la salute), Atena – Fuel Cell lab (energia), Marte (trasporti e logistica), M2Q (agroalimentare), Marea (materiali per agroalimentare), Bio.cam (biotecnologie), Most (trasporti), Idrica (ambiente), Sorriso (materiali per la salute). Nei distretti sono coinvolte oltre 500 imprese di cui oltre 400 pmi. Presso lo stand della Regione Campania sono stati raccontati i risultati del grande Progetto Banda Ultralarga, la prima regione italiana a completare il programma relativo alla realizzazione della rete di nuova generazione in fibra ottica e favorire il raggiungimento degli obiettivi dell’Agenda Digitale Europea. Sono infatti stati conclusi gli interventi infrastrutturali nei 155 comuni coinvolti dal progetto (36 in più rispetto ai 119 previsti dal piano originario). L'investimento complessivo è stato di oltre 175 milioni di Euro, di cui 118 milioni di fondi pubblici europei e 57 milioni a carico di Telecom Italia. Un milione e 147mila unità immobiliari abilitate alla fornitura di servizi digitali innovativi con connessioni da 30 a 100 Mbps, per un bacino di oltre 2 milioni e 800mila abitanti. Coinvolte 16 aree industriali e oltre 1400 sedi della PA, con 275 strutture sanitarie e 562 istituti scolastici.

Nella foto sotto, al centro, il CEO della SMS Engineering, Francesco Castagna, business coach e tutor di numerose startup, con l'Assessore della Regione Campania con delega all'internazionalizzazione, all'innovazione ed alle startup, Valeria Fascione, insieme a Pino D'Aniello e Giuseppe Autorino, cofounders della startup innovativa ArtRooms   beatsmau

Innovation Day: “Le ragazze e i ragazzi presentano le loro imprese” 24 luglio 2015

In funzione del ruolo di sostegno e formazione all’imprenditorialità assunto negli ultimi anni dall’Università, è ormai matura la consapevolezza che solo un ecosistema di innovazione con la presenza delle Imprese, dell’Università e delle Istituzioni può diventare un vero e proprio fattore di sviluppo e di nuova occupazione. I miglior Business Plan degli studenti del corso in Gestione dello Sviluppo Imprenditoriale, tenuto da Mario Raffa e Francesco Castagna, come docente a contratto dell’Università Federico II di Napoli, con il supporto di Roberto Cerchione – sono stati selezionati da una giuria costituita da imprenditori, business angel, venture capitalist. In Giuria anche l’ing. Pino Capocelli.

L’Evento dal titolo: ”Le ragazze e i ragazzi presentano le loro imprese” si è tenuto il 24 luglio 2015 presso la Sala “Giorgio Nugnes” del Palazzo del Consiglio Comunale di Napoli.

Nella Selezione si sono classificati primi i ragazzi di GO COACH (nella foto sotto con Il prof. Castagna e con il prof. Raffa), secondi EARTH FACTORY e terzi GREEN REFILL. Ha chiuso i lavori: Marco Bicocchi Pichi di Italia Startup.

innovation day 2 Innovation Day boy e girl